VIRGIN Racing, una “Quiet Race” per i bambini con autismo

Il team di Formula E della Virgin Racing ha creato un’esperienza di corsa unica per i bambini autistici sul finale di stagione di quest’anno a New York. In collaborazione con lo sponsor Stanley e Black & Decker, è stato organizzato l’evento “Quiet Race” che si è tenuto sul circuito di Brooklyn a Red Hook. L’esperienza aveva lo scopo di promuovere l’inclusione e supportare la neurodiversità offrendo ai bambini e alle loro famiglie un tour nei box e la visita dietro le quinte di una gara di motorsport. Hanno anche avuto l’opportunità di conoscere le carriere STEM nello sport motoristico e il pilota Sam Bird (pilota britannico, che corre in Formula E nel team Virgin Racing) ha messo all’asta la sua tuta da corsa con tutti i proventi a beneficio di Autism Speaks.

L’autismo colpisce circa uno su 59 bambini negli Stati Uniti e 70 milioni di persone in tutto il mondo. Per alcune persone con autismo, le sensibilità sensoriali possono rendere difficile vivere lo sport motoristico. La formula E con i motori elettrici e un tono molto più basso di tutte le altre discipline, consente sia a Virgin che a Stanley Black e Decker di creare un giorno di gara più inclusivo, ideale.

Live COVID-19